Gustav Klimt e l’allegoria del Fregio di Beethoven
20 de Agosto de 2019
Amazônia arde. Sofrem os corações que vivem a sua poética
28 de Agosto de 2019
Show all

L’eredità artistica di Francisco Brennand in Brasile è monumentale. Visitare l’officina di Brennand, allestita nelle terre di Engenho Santos Cosme e Damião, nel quartiere Várzea di Recife, regione di Pernambuco, in Brasile,  ci dà la dimensione di questa meraviglia!

“Non interrompere questo silenzio! Non interrompere questo sogno!”

Si raccomanda dall’inizio della visita.

Un patrimonio che coinvolge un contesto più ampio e originale per noi brasiliani. Implica arte, creazione, tradizione, storia ed ecologia brasiliane.

Terra simbolica

L’artista ha usato l’argilla per modellare le sue opere e comporre un territorio sacro. Le sculture in ceramica che popolano, sia le aree esterne che interne trasportano il visitatore in un universo onirico che rappresenta la terra seminata da personaggi simbolici, che si intrecciano tra figure falliche, uova feconde, miti e animali.

Dall’altro, Adamo ed Eva in completa modestia, nascondendo le loro parti private. Nel mezzo di questa straordinaria creatività di concetti sorge il Taj Mahal, forse un baldacchino, forse, con la sua cupola azzurra e il pendolo in ceramica. L’argilla modellata!

Mariz Bertoli (1942- 2019) ha detto una volta che dobbiamo allargare lo sguardo per entrare in un posto come questo!

L’insegnante, curatora e critica d’arte ha scritto sul Brennand, pubblicato un libro e articoli sulle opere dell’artista di Pernambuco. Vale la pena leggere. Soprattutto l’articolo Redemption of the Female, nel diario dell’Associazione brasiliana di critici d’arte.

Femminile

Entrare in un posto come questo ha bisogno “rompere l’opacità dello sguardo e lasciarci inondare dall’occhio della luce”, raccomanda Mariza Bertoli. “È necessario seguire i modi simbolici che l’artista, come demiurgo, ci propone”, afferma nel suo articolo The Redemption of the Feminine, pubblicato sul quotidiano ABCA. Mariza descrive esattamente la sensazione che ci circonda quando entriamo in quell’ambiente unico e silenzioso, sebbene con opere che parlano della terra e dell’uomo.

“Questo giardino di delizie e orrori è circondato da uccelli serpenti, ordinati come sentinelle, che guardano lo spettatore fino al cuore pulsante della piazza. Sopra uno specchio d’acqua sorge il tempio con la cupola azzurra, il grande occhio di luce. Intorno al tempio, gli esseri appena creati del loro mondo, con i loro doppi riflessi nell’acqua, stupiscono lo spettatore per le insolite suggestioni di intrecci erotici. Gli uccelli serpenti che vegliano su di noi lungo la cittadella rivelano la natura simbolica, la materia primordiale di cui siamo fatti, della nostra fragile umanità, tremante nella tensione tra desiderio e contingenza. Se l’uccello in noi vuole volare, il serpente deve trascinarsi. È la modalità simbolica, la febbre estetica ”.

Francisco Brennand ha ricostruito le ceramiche che alimentarono la sua famiglia, la cui argilla ha plasmato la sua storia: per il futuro, Brennand (91 anni) ci lascia il laboratorio circondato dalla foresta atlantica sulle rive del fiume Capibaribe. Un prezioso tesoro storico e artistico!

Sulle rive del fiume che era cruciale per l’economia di Pernambuco, fu nella sua pianura alluvionale che si formarono i primi mulini di canna da zucchero, grazie al suo terreno massapê, adatto alla coltivazione.

La regione di Várzea è impregnata della memoria di un Brasile coloniale, i cui mulini hanno svolto un ruolo importante nello sviluppo economico dell’epoca. Engenho Santos Cosme e Damião (il collegamento mostra un po ‘di quella che era la regione della pianura alluvionale di Pernambuco) è all’interno di questa storia e ha lasciato il posto secoli dopo a ceramiche, fabbrica di piastrelle, fabbrica di porcellana, fabbrica di vetro, acciaieria e altre unità della regione. Gruppo Brennand.

Francisco de Paula Coimbra de Almeida Brennand ricostruì nel 1971 la ceramica fondata da suo padre nel 1917 che era in rovina.

Volo libero

La sensazione quando entri nell’spazio è prendere un volo libero nel mondo dei sogni. Indipendentemente da ciò che l’artista voleva concettualizzare nella sua opera, il complesso del Brennand offre momenti indimenticabili a chi ama l’arte.

 

Comentários Facebook

comentarios

Mari Weigert
Mari Weigert
Mari Weigert é jornalista com especialização em História da Arte pela Escola de Música e Belas Artes do Paraná. Atuou na área de cultura, como jornalista oficial do Governo do Paraná. Durante um ano participou das aulas de Crítica de arte de Maria Letizia Proietti e Orieta Rossi, na Sapienza Università, em Roma como aluna ouvinte. Acredita que as palavras bem escritas educam e seduzem pelos seus significados que se revelam na poética da vida. *IN ITALIANO (Mari Weigert è giornalista e perfezionata in Storia dell' Arte per la Embap, del Brasile. Durante un anno è stato alunna di Critica d'Arte, alla Sapienza Università di Roma. Crede nelle parole ben scritte che seducono per le sue significate in cui rivelano la poetica della vita.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.