L’Amazonia è in fiamme. Brucia insieme il cuore dell’artista che si ispira dalla sua poetica

Amazônia arde. Sofrem os corações que vivem a sua poética
28 de Agosto de 2019
Minha Pátria, Minha Língua
12 de Settembre de 2019
Show all

Tribo Zo'é. Foto Sebastião Salgado. Gênesis

Impossibile non parlare dell’Amazzonia in un momento così cruciale. La foresta è in fiamme e il dolore è inevitabile. Il ricordo degli artisti che si ispirono nella sua poetica come  Krajcberg, Sebastião Salgado, Zig Koch, Izabel Allende, hanno motivato questo l’articolo. Loro ne fecero una narrazione artistica che può portare qualsiasi osservatore a intraprendere percorsi immaginari dentro della foresta vergine e sentirsi parte, sarebbe lo stesso come si facesse un viaggio reale da conoscerne la fauna selvatica. Questa è la spiegazione più plausibile per questo dolore così acuto e profondo.

Sebastião Salgado è uno di quegli artisti che ricordavo quando ho sentito il pericolo imminente su quel vasto territorio verde, la più grande foresta pluviale del pianeta e la più ricca di biodiversità. Mi sono ricordato delle foto della tribù Zo’é, realizzate da Salgado, esposte nella mostra Genesis. Questa è stata la prima volta che ho sentito parlare di questa tribù Tupi, una delle ultime isolate dall’Amazzonia. In questa ricerca sulla tribù, ho trovato il blog del fotografo Rogério Assis, con splendide foto sugli indiani, compresi quelli di Zo’è.

Rio Juruena próximo a Comunidade Barra de São Manoel – AM Zig Koch

Le magnifiche foto della natura di Zig Koch, che tra molti luoghi fotografati, l’Amazzonia è stata una fermata obbligatoria. Con suoi lenti ha potuto catturare animali in flagranti nella più incredibile posa e e nella foresta stessa, lui ci fa viaggiare fino agli angoli più remoti di quella natura selvaggia.

Mi sono ricordato di Claudia Andujar e delle 500 fotografie esposte in un padiglione a Inhotim, Minas Gerais, parlando degli Yanomami. Claudia è un’attivista svizzera, brasiliana naturalizzata, oggi con 88 anni e dagli anni ’70 dedicata alla causa Yanomami. Nella galleria di Inhotim, mostra la foresta, gli indiani e i loro rituali, e infine il conflitto tra i popoli della foresta e l’uomo bianco.

Sia nelle mostre che nella visualizzazione delle foto che indubbiamente richiedono poetica e arte, ho fatto un viaggio mentale in Amazzonia.

Immaginario

Izabel Allende, nella Trilogia per Ragazzi, in uno dei libri, La città delle bestie, tratta degli indiani e mette in guardia dal traffico di Amazon. Erol Anar, uno scrittore nato in Turchia e ora vive in Brasile, con due dei suoi 15 libri tradotti in portoghese, che ha collaborato con PanHoramarte durante un periodo, ha confessato di aver sognato di conoscere il Brasile perché durante l’infanzia ha visto un disegno che il personaggio visse avventure in Amazzonia.

L’artista Frans Krajcberg ha lasciato un’eredità per le generazioni future. Ha fatto della sua arte un grido di rivolta trasformando tronchi e arti bruciati in sculture. “Voglio che i miei lavori riflettano questo abuso di mettere fuoco in una foresta. Ecco perché uso gli stessi colori: rosso e nero, fuoco e morte. ”

In un rapido sondaggio sugli artisti che si ispirano dall’Amazonia, ho scoperto un’artista botanica inglese che ha dipinto i fiori della foresta pluviale amazzonica, Margareth Mee. Questi nomi mi sono balenati in mente in un rapido sogno ad occhi aperti, cercando di capire gli ultimi eventi riguardanti l’Amazzonia.

tesoro inestimabile

L’Amazzonia ha un valore inestimabile dalla foresta in piedi e non la foresta diventata sul cenere. La foresta è dove vive il futuro dell’umanità e non nella sua estrazione intensa. La sovranità sul territorio non ci dà la prerogativa di decidere cosa vogliamo su di lei.

Salva la più grande foresta pluviale del pianeta perché in essa vive il segreto della vita. Salva le piante che salvano vita!

Appunto della editrice

Piangiamo per l’incompetenza e l’insensibilità dell’uomo che vive come se non ci fosse un domani. Ho viaggiato innumerevoli volte alla giungla amazzonica, negli occhi di molti fotografi, artisti, designer, registi e ogni volta, lo confesso, sono stato sopraffatta dalla sua esuberanza e potere curativo e riparatore, una sensazione manifestata solo dalle immagini. Immagina dal vivo e a colori! L’uomo colui che non capisce l’importanza di un tale tesoro, è una bestia. Abbiamo la sovranità del territorio e il diritto di prenderci cura di questo spazio donato dalla Divina Creazione, ma la sua proprietà metafisica (al di là dello spazio fisico e geografico) non appartiene a noi, ma a tutta l’umanità. Sì, piangiamo, soprattutto per gli indiani che vivono lì e lo preservano. Questa poetica appartiene all’umanità!

Comentários Facebook

comentarios

Mari Weigert
Mari Weigert
Mari Weigert é jornalista com especialização em História da Arte pela Escola de Música e Belas Artes do Paraná. Atuou na área de cultura, como jornalista oficial do Governo do Paraná. Durante um ano participou das aulas de Crítica de arte de Maria Letizia Proietti e Orieta Rossi, na Sapienza Università, em Roma como aluna ouvinte. Acredita que as palavras bem escritas educam e seduzem pelos seus significados que se revelam na poética da vida. *IN ITALIANO (Mari Weigert è giornalista e perfezionata in Storia dell' Arte per la Embap, del Brasile. Durante un anno è stato alunna di Critica d'Arte, alla Sapienza Università di Roma. Crede nelle parole ben scritte che seducono per le sue significate in cui rivelano la poetica della vita.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.