Il Brasile diviso ricorda i limiti del paradiso e dell’inferno del surrealismo di Ismael Nery

O extraordinário do ordinário
15 de Agosto de 2019
Brasile: un paese di tutte le genti
20 de Agosto de 2019
Show all

con mio amico Chagal

I confini tra il paradiso e l’inferno non c’erano nella vita di Ismael Nery (1900-1934), artista e poeta, uno dei primi dall surrealismo nell’arte brasiliana. La sua personalità era così turbata, che non conoscenza dei confini tra il tormento e il godimento, e questo si assomiglia molto oggi alle discussioni politiche in Brasile

Ismael lottò tra il godimento della libertà artistica e la moralità castrante della religione. L’artista era un fervente cattolico e andava a messa ogni domenica. Informazioni tratte dalla ricerca del poeta Floriano Martins,

Nery e il suo amico, artista Murilo Mendes (comunista), “due noti apostoli del surrealismo in Brasile, non solo credevano in Dio, ma andavano a messa tutta la domenica”.

Un mito

“Le viscere che possono rivelare l’anima, la croce che non esclude il godimento, il corpo che cerca l’anima. La comunione tra i paradossi ha segnato il lavoro di Ismael Nery, uno degli artisti più singolari della moderna produzione brasiliana. Abile nel combinare apparenti opposti nel suo lavoro, Nery credeva che un’altra presunta opposizione, quella che porta la vita su terreni diversi – né sempre fa senso.”

L’estratto descritto fa parte del catalogo di una mostra d’artista tenutasi nel 2015, a cura di Denise Mattar e Tadeu Chiarelli. “Ismael Nery alla ricerca dell’essenza”.

Testo e curadoria meravigliosi!

Psicanalisi

Il catalogo è venuto da me dalla mano della figlia che lavora nell’area della psicoanalisi. Ismael Nery è oggetto dello studio da parte di professionisti, che sono interessati e vedono nel suo lavoro un riferimento a determinate teorie. Secondo i curatori, l’artista è sempre stato un indovinello, che “vedeva l’arte come il catalizzatore attraverso il quale poteva esprimere le sue idee”.

Per Chiarelli e Denise, non c’è spazio in suo lavoro di essere etichettati e inseriti nelle classiche classificazioni. “Nelle parole del poeta Murilo Mendes, il suo grande amico, Nery è sempre stato molto ‘ismaelississimo’.

Surrealismo

Senza mettere il dibattito dei due curatori, penso che Ismael Nery  ha avuto un caso d’amore con  il surrealismo, anche ha transitato per il cubismo e è stato molto proprio lui in suoi autoritratti, nelle sue diverse pelli, angelo o demone. È stato anche unico nel ritrarre sua moglie, la sua amata Adalgisa, nella sua breve vita. Morì ai 30 anni di tubercolosi fulminante.

La fase più metafisica e surrealista fu quando si ammalò e scoprì la fragilità del suo corpo, della materia. Le sue opere sono insolite visioni di sogni, alternate a immagini anatomiche di viscere in mostra.

Adalgisa

Adalgisa era bellissima. Una donna orgogliosa, elegante e intelligente e il rapporto con Nery è stato straordinario. Dopo la sua morte è stata una scrittrice e giornalista combattiva. Il marito era per lei, il suo mentore e consulente intellettuale. “Sono sempre stata attratta dalla tua intelligenza.”

La coppia ha promosso e ha partecipato da incontri con intellettuali e l’artisti nella loro casa, degli amici e nei bar. Nery era brillante e dominava sempre gli argomenti e stava costruendo intorno a lui una sorta di rispetto, un tributo che lo rendeva un po ‘narcisista.

La famiglia di Ismael Nery ha avuto una grande influenza sulle sue opere. La madre era una figura tragica, impazzita dalla morte di suo marito e di un figlio. Ha avuto esaurimenti nervosi e si vestiva con l’abitudine del Terzo Ordine di San Francisco. Lei passava la notte urlando, uno scandalo coperto per sua sorella che suonava il piano per attutire il suono. Al mattino, alle sei, le due sorelle andavano a messa e si diresserevano verso la chiesa su differente marciapiedi.

Adalgisa riportò il comportamento in un’autobiografia The Imaginary, 1959. Il suo più grande successo letterario.

Desiderio d’amore 1932

Poesia

La fine della vita di Ismael Nery (Lui è scomparso ai 33 anni) fu segnata dall’insicurezza, la fase tra le due guerre mondiali. La sua poesia rifletteva questo periodo turbato e creativo. Sebbene quasi cento anni dopo la sua morte, il suo legato nella poesia è molto attuale.

“Se il disegno di Nery è sorprendente, la sua poesia è spaventosamente aggiornata”, affermano i curatori. Dai suoi versi potrebbe essere possibile immaginare Raul Seixas che canta o Cassia Eller:

Mio Dio, perché hai messo così tante anime in un solo corpo?

In questo coro neutrale che non rappresenta nulla di ciò che sono

In questo corpo che non mi permette di essere angelo o demone ”

Ancora più interessante è la sua volontà scritta nel novembre del 1933. Queste sono parole rivolte a Dio. Evidenziamo gli ultimi paragrafi e per i quali vale la pena ricordare la trascendenza dell’uomo nella poesia.

Qual è la volontà della gente? Qual è il bene generale? Hai fatto, con la scienza che hai, la psicologia di un capo?

Perché non credere in Dio quando credi anche nei regimi politici? L’umanità, come le piante, ha bisogno di letame.Dai nostri corpi sono rinati quei corpi gloriosi che contengono le anime dei poeti, quello da cui abbiamo già portato il germe.Tutto è stato fatto all’inizio, ma tutto esisterà davvero solo in momenti diversi.I poeti saranno gli ultimi uomini a esistere, perché in essi si manifesta la vocazione trascendente dell’uomo.

Ogni uomo recita una poesia alla vigilia della sua morte. L’umanità reciterà anche la sua alla sua vigilia della, attraverso la bocca di tutti gli uomini che saranno poeti in quel momento.

Comentários Facebook

comentarios

Mari Weigert
Mari Weigert
Mari Weigert é jornalista com especialização em História da Arte pela Escola de Música e Belas Artes do Paraná. Atuou na área de cultura, como jornalista oficial do Governo do Paraná. Durante um ano participou das aulas de Crítica de arte de Maria Letizia Proietti e Orieta Rossi, na Sapienza Università, em Roma como aluna ouvinte. Acredita que as palavras bem escritas educam e seduzem pelos seus significados que se revelam na poética da vida. *IN ITALIANO (Mari Weigert è giornalista e perfezionata in Storia dell' Arte per la Embap, del Brasile. Durante un anno è stato alunna di Critica d'Arte, alla Sapienza Università di Roma. Crede nelle parole ben scritte che seducono per le sue significate in cui rivelano la poetica della vita.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.