Gustav Klimt e l’allegoria del Fregio di Beethoven

Antonio Nobrega e la sua affascinante musica e danza
20 de Agosto de 2019
L’eredità di Francisco Brennand
20 de Agosto de 2019
Show all

L’allegoria creata da Gustav Klimt nel nastro di Beethoven, un’opera ispirata al nono. Symphony, trasformò una semplice stanza in un territorio sacro. La ricerca della gioia e dell’amore puro passa attraverso la fragilità dell’essere umano, del male, della malattia e della morte, nella poetica di Klimt, in un ritmo di adagio e allegro.

La cosa bella di apprezzare un’opera d’arte come questa è spostarsi nel tempo e capire perché è stata creata. È come catturare la tua anima e provare l’emozione dell’artista!

Omaggio a Beethoven

Quando l’austriaco Gustav Klimt creò il fregio direttamente sulle pareti del quartier generale della Secessione nel 1902, lo scopo era di onorare il compositore tedesco in un evento in cui il fulcro era una scultura dedicata a Beethoven da Max Klinger nella sala più grande dello spazio.

La ricerca dell’uomo all pura felicità era la connessione tra arte visiva e musica, unita al potere creativo di Gustav Klimt, un artista austriaco che introdusse nell’impero la moderna fase dell’arte viennese.

Ci sono tre muri con dipinti. Si può immaginare il giorno dell’inaugurazione. La musica essendo suonata e a dare al visitante un senso di sogno. La musica dando vita alle ninfe che fluttuavano in uno spazio vuoto, probabilmente immaginando l’adagio. Uno spazio importante quanto la pittura, che significa il passare del tempo. Delicate figure femminili ed eteree appaiono poco dopo le ginocchia, supplicando.

Le suppliche della debolezza dell’essere umano

Le donne in posizione di supplica a figura maschile, un mito eroico, un cavaliere con un’armatura a foglia d’oro il cui volto è stato ispirato nel viso di Gustav Mahler (compositore) e l’armatura riproduce quella dell’arciduca Segismundo del Tirol, esposta al Museo di Storia di Arte di Vienna.

Questo personaggio risplende in oro e alcune pietre semipreziose nell’elsa della spada e dell’elmetto ai suoi piedi, rappresentano la stessa umanità, dotata di spirito e determinata a perseguire la felicità attraverso l’arte.

Mitologia

La parete del mezzo è interamente dipinta e di straordinario simbolismo mitologico. Sono le forze del male con sfumature che predominano il buio. Innanzitutto le tre sorelle Gorgonas, Medusa, Steno ed Eurali, con i capelli di serpente, terribilmente seducenti ma letali. Sopra di loro, malattia, follia e morte, rappresentate anche da figure femminili.

Il gorilla, il personaggio centrale, rappresenta anche una creatura mitica. Tifeu o Typhon nella mitologia greca erano responsabile dalla distruzione dei venti violenti. Klimt lo impersonava come un gorilla con occhi di madreperla dagli occhi spalancati verso il pubblico. Accanto a lui c’è lussuria, spudoratezza e golosità, rappresentata anche da donne, la rossa, la bionda e l’obeso.

Il dolore profondo

L’idea era quella di mostrare in questa allegoria che il cavaliere d’oro avrebbe avuto una missione quasi impossibile, considerando che poteva essere sedotto dalla bellezza e dalla sensualità, dal fascino e che persino gli dei non potevano superare la forza di Tifeu, che era circondato dalle spirali di un serpente da una parte, sul lato opposto delle sorelle Gorgonas, Klimt dipinse un’altra figura femminile che rappresentava il dolore acuto avvolto nei suoi capelli. Una scena di desolazione sullo sfondo con i serpenti arricciati.

Alla fine Eden

Tuttavia, un’altra vibrazione armonica appare sulla terza parete nell’angolo destro sopra. Le ninfe galleggianti sembrano eteree incontrano la musica emotiva con cui emerge la luce. Una figura femminile sembra suonare uno strumento musicale. L’oro splende.

Allegro alla fine

La sinfonia di Beethovem recupera il battito, l’imponenza, il vibrante allegro. La coscienza si rigenera e l’Ode alla gioia appare nell’abbraccio finale dell’uomo e della donna, il sole e la luna – Eden – l’acqua dorata che scorre intorno alla coppia unendoli in gioia e amore.

Si sarai coinvolto nelle trame di questa allegoria di Klimt, sicuramente, nel momento in cui ti immagini nella stanza della Secessione, sarai guidato dalle pennellate dell’artista, ipnotizzato dalla musica emotiva che brilla con il splendore dell’oro.

Sorprendente ensare che gli austriaci della Vienna imperiale avevano aborrito il lavoro di Klimt e lo consideravano immorale. Un artista di straordinaria capacità simbolica e raffinato nel suo concetto.

 

Comentários Facebook

comentarios

Mari Weigert
Mari Weigert
Mari Weigert é jornalista com especialização em História da Arte pela Escola de Música e Belas Artes do Paraná. Atuou na área de cultura, como jornalista oficial do Governo do Paraná. Durante um ano participou das aulas de Crítica de arte de Maria Letizia Proietti e Orieta Rossi, na Sapienza Università, em Roma como aluna ouvinte. Acredita que as palavras bem escritas educam e seduzem pelos seus significados que se revelam na poética da vida. *IN ITALIANO (Mari Weigert è giornalista e perfezionata in Storia dell' Arte per la Embap, del Brasile. Durante un anno è stato alunna di Critica d'Arte, alla Sapienza Università di Roma. Crede nelle parole ben scritte che seducono per le sue significate in cui rivelano la poetica della vita.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.