‘Valentino’. Genio impareggiabile tra il cucito e l’arte

Dandô sintoniza-se com cantadores e tece uma rede poética de afetos
8 de Ottobre de 2020
Capadócia é museu a céu aberto
14 de Ottobre de 2020
Show all

Valentino ha fatto un'installazione con i vestiti tutto bianco negli studi di Cinecittà. L'iniziativa mi ha ricordato un altro evento indimenticabile!

Era l’anno 2007 e il luogo Ara Pacis a Roma. La celebração dei 45 anni della prima collezione di Valentino è stata segnata come un evento unico nel mondo della moda e dell’arte. La sfilata si è svolta in un luogo iconico come Cinecittà, che Valentino presenta oggi la sua collezione couture inverno 2020/2021.

Ero a sistemare il mio archivio personale di foto quando ho trovato la mostra dell’artista della cucita e  le condivido con gli interessati e gli amanti della moda come arte. Mostrano in piccola scala, il genio e il talento del genio italiano della cucita.

Modelli inimmaginabili nella raffinatezza, eleganza e delicatezza nella suavità del tessuto, nel taglio esatto e perfetto, nei ricami, in tutti detagli che insieme sono vere opere d’arte.

Le donne famose nel mondo, da principesse europee, arabe, asiatiche, attrici, milionarie, hanno ispirato questo artista dell’ago e del taglio a creare forme che vestite nei corpi femminili le conducono in un universo di sogni ed incanto.

Invito il lettore, colui che si sveste dei pregiudizi e riconosce il cucito come espressione artistica, a godere della raffinatezza di Valentino. Entrare nel suo mondo magico dimenticando le frivolezze della moda a guardare con gli occhi di chi apprezza l’arte.

Questo meraviglioso a lungo nero l’attrice icona italiana Sophia Loren lo usato. La morbidezza del tessuto mostra una vestibilità perfetta completata dal ricamo e dal delicato pizzo che rifinisce lo scollo e la gonna.

Per decenni, Valentino è stato lo stilista preferito di queste donne famose che hanno popolato l’immaginario di diversi adolescenti e donne comuni da un capo all’altro del pianeta. Un mondo che esiste e e a noi è inaccessibile, quello delle celebrità.

I modelli creati da Valentino presente in questa mostra  avevano insieme una cartella o un video raccontando la storia personale di chi indossava, oppure la storia dell’evento in cui il modelo di vestito è stato utilizzato. Cerimonia di premiazione, festa della nobiltà, evento iconico, matrimonio reale

 

Questo è vestito a lungo in raso indossato da Elizabeth Hurley, attrice britannica che è stata a lungo anche pubbliche relazioni a livello mondiale per il marchio di moda e bellezza Estée Lauder. L’attrice ha utilizzato molti modelli della famosa “V”, che ha persino sfruttato il suo marchio per creare accessori e altri oggetti di scena femminili.

La mostra ha presentato circa 300 vestiti da lui progettati, quasi tutti modelli a lungo. Valentino fonda la sua prima casa nel 1959, nell’elegante Via Condotti, a Roma. Nel 1960 conosce Giancarlo Giammetti, divenuto successivamente socio e amministratore di Casa Valentino.

 

 

Però la fama ha conquistato nel 1962, quando partecipò alla sfilata a Firenze, a Palazzo Pitti. Era ancora giovanissimo e la conferma è stata dell’ultimo minuto a presentare la collezione l’ultimo giorno, e anche così, con condizioni sfavorevoli alla sfilata, il trionfo è stato tale che i grandi compratori americani hanno lottato tra loro per acquistare gli abiti del più giovane stilista italiano. 

Giusta la scelta il luogo come Ara Pacis a celebrare i 45 anni dal lancio della sua prima collezione. Il posto racchiude più di duemila anni di storia, è affascinante e ha dato alla mostra un aire di nobileza. Il tempio della pace e dell’armonia

 Ara in latino significa altare. Un altare che l’imperatore Augusto dedicò alla pace. Uno spazio che trasuda potere, conquista e allo stesso tempo ci infonde a una sensazione di armonia.

Comentários Facebook

comentarios

Mari Weigert
Mari Weigert
Mari Weigert é jornalista com especialização em História da Arte pela Escola de Música e Belas Artes do Paraná. Atuou na área de cultura, como jornalista oficial do Governo do Paraná. Durante um ano participou das aulas de Crítica de arte de Maria Letizia Proietti e Orieta Rossi, na Sapienza Università, em Roma como aluna ouvinte. Acredita que as palavras bem escritas educam e seduzem pelos seus significados que se revelam na poética da vida. *IN ITALIANO (Mari Weigert è giornalista e perfezionata in Storia dell' Arte per la Embap, del Brasile. Durante un anno è stato alunna di Critica d'Arte, alla Sapienza Università di Roma. Crede nelle parole ben scritte che seducono per le sue significate in cui rivelano la poetica della vita.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.