Angelo Campos denuncia la fragilità umana con l’arte

Silvio Tendler organizza movimento contro lo smantellamento dell’arte e cultura in Brasile
9 de Agosto de 2020
Show all

L'arte di Angelo Campos è aggressiva a chi non vuole vedere una realtà che fa parte di un Brasile senza opportunità.

I suoi dipinti dal murales dialogano con la povertà, la violenza, i dolore, l’abbandono, in vivace colori e sensibilità nelle espressioni e nei tratti. Un’arte viscerale. Un grido che esce dalle viscere per denunciare la fragilità dei bambini, delle donne, dei neri, gli indiani, minoranze emarginate che soffrono di pregiudizi in una società ingiusta e disuguale.

È corretto dire che sono murales perché Angelo insiste che non è un graffitista, ma un muralista. “In realtà sono un muralista e provengo da influenze e ispirazioni legate a Diego Rivera, Cândido Portinari (Retirantes)”, sottolinea.

Il graffito è in ogni manifestazione di ciò che viene proiettato su un muro nel senso di segnare territorio che appariva negli anni ’70 negli USA, qualunque fosse il materiale. Il Brasile ha finito per associare il graffito allo spray che è uno strumento in più, aggiunto all’arte. Quindi, poiché il mio lavoro è molto più concettuale che segnare il territorio, sono un muralista. Mi definisco un muralista fauvista “.

Indubbiamente il lavoro di Angelo Campos è esclusivamente concettuale e parla dall’immagini, tuttavia mescola il muralismo con il graffito, soprattutto perché i graffiti oggi hanno un’identità legata anche al concettuale. Banksy è un’artista che fa dal graffito un’arte di critica sociali alla politica, l’ambiente, i consumi, il capitalismo, la guerra

 

La differenza è che il grafito spesso ha un cliente. Nell’articolo pubblicato su PanHoramarte, Pixo è impegnato, il graffito è chic e il disegno sono l’immagine, l’autore del libro “Uivo dos Invisíveis”, Bebeti do Amaral Gurgel, si occupa delle diverse performance della streetArt.

 #GraffitohaCliente           #IMuralesPiangono                     #BanksyDisturba            #PoveroFuoriRicchiDentro             # OutdoorYesPixNo….

                                                                                                         Una città zitta non cambia

Sono d’accordo con la scrittice che una città che non cambia è intonacata. La città ha bisogno di avere una voce e dare spazio a chi non ha mezzi istituzionali. L’arte dà movimento negli spazi pubblici urbani con i segni dei graffiti. La periferia ha il posto nella strada per legittimare il loro urlo ribelle. Proprio come il teatro Mambembe, i giocolieri, gli artisti del circo, i musicisti hanno sulla strada il palcoscenico per le loro esibizioni.  

Angelo Campos, questo carioca che vive nella comunità del Penha, a Rio de Janeiro, riconosce che fa dell’arteun mezzo di mostrare al mondo ciò che il mondo non vuole vedere. “Scappo dei modi tradizionali di ciò che è accettabile e ciò che piace al pubblico. Prendo una strada completamente opposta”.

I murales di Campos portano lo sguardo esterno nella favela. La tristezza è visibile quando parla da quello che ha vissuto. Le lotte e le difficoltà e la ricerca del riconoscimento per l’opere sue.

“Tutto quello che ho vissuto, quello che ho imparato, quello che il mio paese ha fatto per me o quello che non ha fatto, non ha senso alle persone. Nessuno delle grandi istituzioni mi ha invitato. Forse perché ho un dialogo molto diretto e lo sappiamo purtroppo ci sono persone che non vogliono sentire la verità “.

Soprattutto vivo in una comunità povera, soffro insieme alla comunità, provengo anche da storie di dolori e dispiaceri della mia famiglia, proprio come qualsiasi altro residente qui. Ma penso che le persone potrebbero aprirmi uno spazio per esprimermi, mostrare come vivo, come sopravvivo e come mi tratta il mio paese “

Angelo Campos ha partecipato a un intervento artistico a Dresda, in Germania, nella Campagna contro il Cancro, attraverso il Moço Arte Institute, di danza contemporanea, in Brasile.

L’intervista sulla visita in Germania può essere guardata su Youtube: qui

Come artista della periferia non è mai stato facile garantire un reddito con l’arte. Con risentimento accusa tutti i governi in questi anni. Dice che ci sono molti artisti premiati e riconosciuti là fuori che non possono sopravvivere dall’arte nel paese. “Il Brasile non offre spazio a tutti gli artisti. Solo a coloro che sono più convenienti in termini di gusti, opinioni politiche, critiche sociali”, dice. “Sono un artista che lavora molto e vive d’arte commerciale totalmente diversa dalla mia identità artistica, orientata più verso saloni e mostre. È difficile vivere in un paese che non consuma tutti i tipi dell’arte”

Gli interventi artistici di Angelo Campos sono toccanti, forti, segnati dalla sua sensibilità ed emozione verso la vita. Il panel che ha realizzato nella comunità per sensibilizzare sull’importanza e uso della maschera nella prevenzione del coronavirus è stata una sua reazione immediata dopo la morte dei parenti da parte del Covid 19.

 

“Ho realizzato questo pannello non appena ho seppellito mia nonna”, dice. L’immagine proviene dall’Associated Press (AP), è stata catturata da Silvia Izquierda ed è apparsa in più di 40 paesi ed è stata fornita dall’artista ai lettori di PanHoramarteA

Comentários Facebook

comentarios

Mari Weigert
Mari Weigert
Mari Weigert é jornalista com especialização em História da Arte pela Escola de Música e Belas Artes do Paraná. Atuou na área de cultura, como jornalista oficial do Governo do Paraná. Durante um ano participou das aulas de Crítica de arte de Maria Letizia Proietti e Orieta Rossi, na Sapienza Università, em Roma como aluna ouvinte. Acredita que as palavras bem escritas educam e seduzem pelos seus significados que se revelam na poética da vida. *IN ITALIANO (Mari Weigert è giornalista e perfezionata in Storia dell' Arte per la Embap, del Brasile. Durante un anno è stato alunna di Critica d'Arte, alla Sapienza Università di Roma. Crede nelle parole ben scritte che seducono per le sue significate in cui rivelano la poetica della vita.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *