Ser criança e as lembranças de um tempo que fica para sempre
12 de Ottobre de 2017
A importância da solidão
16 de Ottobre de 2017
Show all

WWOOF! – ‘Le opportunità globali nell’agricoltura naturale’ è una rete volontaria di lavoro sulle aziende agricole ecologiche. È il modo di combattere la contaminazione del cibo piano, piano, cambiando abitudine e costumi.

Ho avuto la opportunità di partecipare. Pertanto, comincerò a condividere con voi la esperienza più fantastica e tutta l’emozione che ho sentito in viverla.

WWOOF: un progetto di vita.

Avrei dovuto scrivere questo post non appena sono arrivata al progetto, ma purtroppo non era possibile. La velocità con cui le cose hanno accaduto, mi dava voglia di scrivere tutto il tempo. Ma non potevo fare tutto allo stesso tempo. Ma se mi sedesse per un periodo per scrivere sull’esperienza, perderebbe momenti significativi che non desideravo davvero perdere.

Come ha cominciato la storia

Ho lasciato Madrid il primo giorno di settembre alle 13:30, sulla strada per Béziers, in Francia, per iniziare la mia vacanza. Non una vacanza davvero, ma sono stata accetta in un programma di scambio per imparare tecniche agricole ecologiche in una vinicola a questo scopo, per vedere come è il processo del vino ecologico.

Per mesi ho pensato a questo progetto e molte persone mi hanno tentato dissuadermi dai miei piani, dicendo che la vita nella campagna era molto complicata e che sarebbe noioso fare questo tipo di lavoro. Però, niente e nessuno sono riusciti cambiare il mio progetto.

Ero molto entusiasta del tema e stesso ascoltando le opinioni più diverse, mi ho convinto della importanza in mia vita e ho continuato andare avanti con il progetto WWOOF. Dopo ho vissuto la esperienza, posso dire con certezza che questa è una delle cose migliori che ho fatto nella mia vita.

Sul treno mi sono seduto accanto a un gentiluomo argentino che doveva andare a Montepellier per indagare o fare una ricerca sulla vita in campagna. Era un agronomo che insegnava all’Università di La Plata. Lui e sua moglie conobbero molto bene il Brasile e mi hanno parlato delle loro passeggiate nel mio paese natale.

Amicizia

Dopo 30 minuti di conversa sembravamo essere amici da tutta la vita. Ero sicuro di questo quando lui, al centro del treno, preparò un chimarrão per cui parlavamo. La mia vacanza è appena iniziata e mi sono goduta ogni secondo.

Sono arrivata a Bezier alle 7:20 per trovare Florence, una dei patrone della vinicola insieme con suo marito Stephane. Era la mia prima interazione in francese e sono rimasta sorpresa di quanto lei abbia capito quando ho parlato.

Mi ha detto che dovevamo aspettare fino alle 20.30 perché una giovane giapponese era venuta direttamente dal Giappone per partecipare al progetto WWOOF. Tutto sembrava fantastico. Florence era molto simpatica e tutto quello che raccontava era sembrato sempre più affascinante.

Lei ha avvertito che prima di venire alla vinicola siamo andati in un paesino chiamato Pezenes, che ogni venerdì durante l’estate si trova una fiera di vini dove i produttori locali si stabiliscono nel centro della città per mostrare il loro prodotto e danno la possibilità per conoscere meglio il loro vino.

Degustazione

Era allucinante: sono stata in Francia, in vacanza, e ho iniziato il mio progetto con una degustazione di vini!

Lì ho incontrato gli altri WWOOFers del programma: una coppia di americani, una norvegese e un tedesco. Tutti vivendo nella stessa casa e super motivati con tutto ciò che stavano imparando lì. È incredibile vedere come un mondo intero si apre davanti ai tuoi occhi: improvvisamente tutti i tuoi dintorni parlano la stessa lingua di te … ognuno ama il vino, ognuno è stato lì perché hanno irrequietezza che la vita professionale e personale non può guarire, tutti sono stati cercando non solo di imparare un lavoro extra, ma di vivere un’esperienza.

Tutti volevano nuovi orizzonti

La coppia americana ha lavorato in marketing a Parigi e ha anche lasciato il suo lavoro per avventurarsi in qualcosa di nuovo: il tedesco ha chiesto una pausa dal suo dottorato e è venuto in macchina alla Francia fermandosi in varie aziende agricole e lavorando come woofer – era la sua seconda volta in questa vinicola; la norvegese è venuta per imparare il francese e ha trovato nel progetto un modo economico per imparare la lingua; e la giapponese è venuta dall’Australia, dove ha vissuto per 18 anni, cercando un cambiamento radicale della vita.

Tutti con passati diversi, tutti con le storie diverse, ma tutte con le stesse preoccupazioni in un gusto comune: vino, agricoltura, terroir.

Tutto era così tanto perfetto che ero già contento da incontrare queste meravigliose persone davanti a me. La verità era che superava tutte le aspettative. Siamo arrivati a Vinicola a mezzanotte, e Florence ha presentato la casa che aveva separato per i WWOFers.

Nostra casa

IMG-20170908-WA0004

Era una casa da sogno, come queste tipiche case provenzali francesi che vediamo nei cinema, con cinque camere, arredamento rustico francese con tocchi “clean”, una cucina con tutto ciò che si può immaginare, giardino con tavoli da mangiare fuori, orto , frutta e verdura.

Florence si preoccupava di comprare cibo BIO per tutti noi e lasciava una macchina a nostra disposizione per andare alla città più vicina quando necessario, o andare in spiaggia o ovunque vogliamo. Questo è surreale.

meu quarto

meu quarto

Se le persone sapessero di questo tipo di vita, forse le multinazionali erano in bancarotta perché lì si incontrava i “cremme de la cremme” (il massimo, il meglio, il meglio) del mercato del lavoro: persone con un vero desiderio di lavorare e una passione per quello che si fa.

IMG-20170908-WA0010

Questo è solo il mio primo giorno, ma oggi ho piena certezza che questa sarebbe un’esperienza da ricordare molti anni della mia vita.

Tutte queste persone lavoravano poche ore al giorno in cambio di casa e cibo … quando vedete tutto che Florence e Stephane hanno costruito, davvero voi mette il soldi nel secondo piano.

Non che non sia importante, ma come ha detto Victor Hugo, dobbiamo ricordare chi possiede chi.

Firenze e Stephane sono una coppia che da anni ha lavorato nel settore bancario e ha vissuto in diversi paesi. Un giorno hanno sentito la stanchezza di quello che facevano e un desidero di dedicarsi di corpo e anima al mondo del vino. Il desidero di lavorare con vini è stato affrontato tanto seriamente che Stephane è andato a studiare(master) in Borgogna, dove vengono i migliori vini del mondo, per imparare tutta la tecnica dall’inizio alla fine.

Vista do meu quarto

Vista do meu quarto

  La Grange du Bouys

 La Grange du Bouys è il risultato dal lavoro dedicato e dall’amore che Florence e Stephane hanno messo lì. Ogni angolo della vinicola emana l’amore e questo è il più bello da vedere. Queste persone sono estremamente dotate di rapporti interpersonali e capaci di fare amicizia con i occhi.

Questa pace e amore per i vigneti è quello che ho cercato in questo progetto. E nonostante le mie grandi aspettative, posso vedere che dal momento in cui ho visto Florence alla stazione ferroviaria di Bezier sapevo che non mi rimpiangerei nessun minuto di quello che avevo deciso.

Nella Grange du Bouys si è iniziato una nuova storia a tutti noi che partecipiamo di questo.  E il nostro impegno e forza volontaria aiuterà a dare continuità alla storia che Florence e Stephane stanno costruendo!
*Jaqueline D’Hipolito Dartora è giornalista brasiliana laureata in Giornalismo presso l’Università di Santiago di Compostela. Una giornalista per vocazione che ha vissuto in molti paesi (Brasile, Portogallo, Inghilterra, Spagna), in cerca di sfide. Attualmente lavora in marketing di Tyco Integrated Fire & Security (parte del gruppo Johnson Controls) come Campaign & Sales Enablement Manager Continental Europe, anche la scrittura sia la sua vera passione. E anche il mondo del vino. Inoltre, è dedicata alla promozione di forme di vita più sostenibili, come l’uso della bicicletta a Madrid, collaborando con il blog “Muévete en Bici por Madrid”. Collabora con alcuni blog e scrive storie brevi in inglese, portoghese e spagnolo.

Comentários Facebook

comentarios

Jaqueline D`Hipolito Dartora
Jaqueline D`Hipolito Dartora
Formada em Jornalismo na Universidade Santiago de Compostela, Jaqueline se identifica como escritora e "vinalogadora". Atualmente dedica-se ao marketing e a comunicação, promovendo eventos que conectam e promovem o diálogo entre o vinho e as artes em geral. Têm também vários projetos paralelos relacionados com as letras e o mundo do vinho. Promove formas mais sustentáveis de vida, sendo uma ativista do uso da bicicleta na cidade e de uma vida mais saudável, lenta e meditada. No seu tempo livre realiza trabalhos voluntários em Vinícolas ecológicas e (WWOOF) y recentemente criou o blog Vinálogos. Colabora com alguns blogs, lojas de vinho, e escreve contos, relatos, ensaios em inglês, português e espanhol.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.