Nuvens de Galinhos são um espetáculo à parte
19 de Giugno de 2017
Google Art Project: o maior museu online do mundo! 
23 de Giugno de 2017
Show all
Sono nato molto lontano del paese che vivo adesso. Sono nato vicino al Mar Nero, in Havza, una piccola città in Turchia.

Dietro la nostra casa aveva un ruscello e lui percepiva le nostre anime dei bambini. Impariamo i segreti della vita con il ruscello dietro la nostra casa. Abbiamo nuotato e pescato, abbiamo giocato e letto i nostri libri intorno ad esso.

Libri che hanno aperto nuove finestre e  nuove monde. Libri che ci hanno portato a luoghi magici. Abbiamo trovato Jack London molto presto!

Lui ha toccato delicatamente nelle avventure che esistono nella nostra anima, ci ha dato la gioia di vivere.

I scritti da lui sulla realtà, del modo duro e barbari, ma con storie della gente comune. Ha anche scritto sul rapporto tra uomo e natura, mostrando quanto atrocità il genere umano fa e acquistata la natura come il tutto.  Ha detto: “se i miei libri sono difficili, è perché la vita è così difficile.”

Leggiamo Mario Puzo.

Sappiamo che Puzo paragona la vita con un gioco di dadi e quando  si gettano saprà ciò che il  destino gli ha riservato. Si tira i dadi: vincere o perdere fino  alla prossima partita.
Ha scritto su persone famosi e ricchi, ma che non hanno offerto niente da ingrandirsi l’umanità, non rappresentavano niente alla vita. Di prima, leggemmo “Il Padrino” e noi era piaciuto il personaggio Sonny perché ha avuto il coraggio, la forza e è morto prima, in questo libro. Il nostro ruscello sempre ci ha detto: “Bambini! E’ necessario imparare e perdere! Perché voi perdono molte volte nella vita. ”

Poi abbiamo scoperto scrittori russi e loro sono incredibili!

Cechov, Gorky, Tolstoj, Turgenev, Sholokhov e altri.

Uno scrittore è stato in grado di capire l’umanità intesa profondamente fino dall’osso: Dostoevskij.

Accanto al ruscello abbiamo discusso il carattere del “Delitto e castigo”, “Rascolnikov” per molti giorni.

Il nostro ruscello conosceva tutte le storie, ogni giorno lui era rinato e portava nuove storie a tutte le distanze a tutto il suo percorso.

A volte lui raccontava storie a noi che non erano nei libri, fino alla notte abbiamo ascoltato la sua narrativa con la sua voce calma. Ma per qualche giorno, rimaneva in silenzio …

Lo supplicavamo  a parlare di nuovo, ma rimase in silenzio. Dopo abbiamo capito che ci stava insegnando l’ora di tacere e ascoltare gli altri. Voleva che noi cercassimo la nostra strada da soli. Così, abbiamo parlato e lui ascoltava!

Un giorno tornava a parlare e raccontava molte nuove storie. sogniamo che prendevamo autostop con il nostro fiume per arrivare da lontano. L’umanità non era sporca come oggi, forse perché non c’era l’innocenza …

Ancora oggi il nostro ruscello appare nei miei sogni. Chissà forse è l’unica cosa rimasta della mia età dell’innocenza.

Comentários Facebook

comentarios

Erol Anar
Erol Anar
Erol Anar nasceu em Havza na Turquia, estudou em cursos de Antropologia (durante dois anos), História da Arte (durante dois anos) e pintura (durante um ano) nas universidades de Istambul, Ancara e Samsun. Foi membro da Associação dos Escritores Turcos, trabalhou no Centro de Arte Contemporânea de Ancara onde foi orientador de leitura da obra de Dostoiévski e da literatura universal durante 10 anos. Ganhou prêmios. Escreveu em diversos jornais, vários artigos foram sobre arte, direitos humanos, literatura e a vida cotidiana. Ainda teve entrevistas veiculadas em jornais de diversos países e tem 15 livros publicados no idioma turco.2 Deles foram traduzidos para português.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.