Italia puritana copre il nudo dei suoi tesori artistici

Itália envergonhada cobre o nu de seus tesouros artísticos
29 de Gennaio de 2016
Baco Divino: o prazer do vinho
1 de Febbraio de 2016
Show all

Nella combo a sinistra la Venere Capitolina, e a destra la statua coperta durante la visita del presidente iraniano Hassan Rohani. Roma, 26 gennaio 2016. ANSA/

La vergogna del nudo nell’Italia puritana

La decisione del governo italiano di coprire il nudo delle sculture del Museo Capitolino di Roma, per la visita del presidente iraniano Hassan Rohani, entrerà negli annali della storia come un fatto simile all’eccesso di pudore del clero nel secolo XVI. Il fato è successo quando le sculture classiche greche e le opere d’arte sono stati adulterate in nome di una falsa morale.

L’argomento usato da parte del governo, di non ferire la sensibilità culturale del presidente  iraniano è una scusa infondata e riflette, infatti, l’altra verità: il puritanesimo nella cultura europea.

Una sorta di memoria atavica in cui la origine ha cominciato nel Concilio di Trento, nel 1563, quando  il clero ha ricevuto il compito di controllare la corretta osservanza dei principi cattolici.

Coprire le parti intime

“Un chiaro esempio di ciò è l’ordine dato dal Papa Paolo IV nel 1559 a Daniele da Volterra di coprire con dei pantaloni le parti intime delle figure del Giudizio universale – michelangiolesco della Cappella Sistina; il Volterra per questo fatto è stato da allora in poi chiamato “il braghettone”. (Censura) Wikepedia

Dal Concilio non c’erano pochi, ma numerosi casi di attacchi moralistici da parte del clero negli opere d’arte. Basta cercare su siti specializzati e constatare come le sculture della Grecia classica erano vestiti di foglie di fico o castrati.

“Contrariamente a quanto si potrebbe immaginare, la foglia di fico ha avuto una lunga vita in musei e gallerie europee e americane e durò fino al ventunesimo secolo”, scrive la giornalista e antropologa Paula Diehl, nell’articolo “La foglia di fico vigliacca.” Lei è stata nel Monaco di Baviera, in Germania, nel 2000, nella mostra “Das Feige (n) Blatt” (la foglia di fico ), una mostra che ha criticato la questione della nudità nella cultura occidentale.

Questa settimana è stato imbarazzante per gli italiani a cui piace l’arte. La situazione è triste e riflette la mancanza di rispetto ai cittadini e all’arte.

*Nella combo a sinistra la Venere Capitolina, e a destra la statua coperta durante la visita del presidente iraniano Hassan Rohani. Roma, 26 gennaio 2016. ANSA/

Comentários Facebook

comentarios

Mari Weigert
Mari Weigert
Mari Weigert é jornalista com especialização em História da Arte pela Escola de Música e Belas Artes do Paraná. Atuou na área de cultura, como jornalista oficial do Governo do Paraná. Durante um ano participou das aulas de Crítica de arte de Maria Letizia Proietti e Orieta Rossi, na Sapienza Università, em Roma como aluna ouvinte. Acredita que as palavras bem escritas educam e seduzem pelos seus significados que se revelam na poética da vida. *IN ITALIANO (Mari Weigert è giornalista e perfezionata in Storia dell' Arte per la Embap, del Brasile. Durante un anno è stato alunna di Critica d'Arte, alla Sapienza Università di Roma. Crede nelle parole ben scritte che seducono per le sue significate in cui rivelano la poetica della vita.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.