O que é Dostoiévski
9 de Dicembre de 2015
A vida que vale a pena a ser vivida
10 de Dicembre de 2015
Show all

Ho visto su internet un reportage alla TV turca, con le persone essendo intervistate, la domanda era: “Che cosa è Dostoevskij?”.

La maggior parte delle persone non conosceva chi era Dostoevskij e nemmeno quello che era. Incredibilmente una persona dice che Dostoevskij è un cibo. Un’altra persona parla che il Dostoevskij è il presidente del Kosovo.

Nella maggior parte del mondo le persone ignorano Dostoevskij, ma il numero dei lettori è ancora più basso. Un contadino lavorando in luogo lontano, ermo, conosce il nome dei giocatori di calcio in molte squadre, ma ha mai sentito il nome di Dostoevskij.

Ignoranza

 La dimensione dell’ignoranza non ha alcun legame con diploma di laurea, perché il sistema capitalista crea i laureati ignoranti e i professionisti non si interessano per nulla, che non sia il suo mestiere. La maggior parte delle persone, neppure per la loro area professionale, cerca la conoscenza. Il tempo in cui viviamo è anti intellettuale e quanto più ignorante voi siete, più possibilità avete in questo sistema.

L’era degli idioti

La chiamo “L’era degli idioti”.  Il capitalismo è una fabbrica di produzione di medici, avvocati, giudici, ingegneri, scienziati, ecc … per essere utilizzati dal sistema. Persone che non leggono niente fuori dal loro tema. Un giocatore di calcio che mai ha letto, guadagna milioni e fa fama mondiale, piuttosto, chi non segue la regola del sistema di governo, uno scienziato o studioso che ha dedicato la sua vita alla scienza, rimane sconosciuto.

Se si domanda alle persone chi è Noam Chomsky, quasi nessuno lo saprà che è uno dei più grandi intellettuali vivi.

Stiamo vivendo tra le ignoranti senza laurea e laureati ignoranti, il sistema capitalista fa questo attraverso i media. In questo sistema le persone si dedicano al loro lavoro, non c’è tempo per nulla, lo scopo della vita è la carriera, e fare un sacco di soldi. Questo è lo slogan del capitalismo: sii ignoranti in giro, consuma tutto, competi con gli altri senza alcuna etica e se lo fai, la tua ignoranza sarà premiata. Tutto è permesso in questo sistema dal momento che il risultato sia il successo ignorante.

Il neoliberismo ha creato un prototipo che pensa in consentire tutti nella società, soprattutto alle giovani generazioni, è così: essere apolitico, non leggere, umiliare gli investimenti nella conoscenza, non credere ai valori, l’unica preoccupazione è fare soldi di qualsiasi modo e essere essenzialmente egoista.

Il bersaglio sono i soldi facili e veloci, e diventare famoso senza contenuto! Per questo motivo rimangano nella TV i programmi televisivi come idoli, il Grande Fratello, ecc. Questo prototipo non si preoccupa con la conoscenza e ancora la insulta! E non si vuole fare qualcosa per gli altri, per una migliore convivenza dell’umanità.

La gente non sa  che il sistema la incarcera, quanto più soldi guadagnano più ansiosi restano, più depressivi e con altri problemi che il denaro inevitabilmente portano. Accanto alle persone come queste non c’è etica, emozioni profonde …

Allora, cos’è Dostoevskij?

Dostoevskij è l’espansione della conoscenza all’altro lato della parete, il lato che non possiamo ancora vedere!

È un po’di noi stessi che rinchiudiamo in una cella, lui non rientra in questo periodo che viviamo… è una luce brillante nel fango in cui ci troviamo.

Lui è il Raskolnikov della nostra coscienza parlando delle verità su di noi che non vogliamo sentire.

Sono i nostri sogni dimenticati ..

Ancora una volta, andiamo a fare la domanda: “Che cosa è Dostoevskij?”

Comentários Facebook

comentarios

Erol Anar
Erol Anar
Erol Anar nasceu em Havza na Turquia, estudou em cursos de Antropologia (durante dois anos), História da Arte (durante dois anos) e pintura (durante um ano) nas universidades de Istambul, Ancara e Samsun. Foi membro da Associação dos Escritores Turcos, trabalhou no Centro de Arte Contemporânea de Ancara onde foi orientador de leitura da obra de Dostoiévski e da literatura universal durante 10 anos. Ganhou prêmios. Escreveu em diversos jornais, vários artigos foram sobre arte, direitos humanos, literatura e a vida cotidiana. Ainda teve entrevistas veiculadas em jornais de diversos países e tem 15 livros publicados no idioma turco.2 Deles foram traduzidos para português.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.