The Ear of Van Gogh
10 de Agosto de 2015
Navegar é preciso…
11 de Agosto de 2015
Show all

Anni fa, quando facevo un giro nel museo di Van Gogh ad Amsterdam, Paesi Bassi, ho visto la grande differenza tra le riproduzioni e le opere originali. Nell’opere originale è possibile sentire più i colori più intensi e meravigliosi dove si vede la toccata del pennello da un modo molto particolare, che glielo fatto conquistare la fama.

Van Gogh è nato nel 1853 ed è cresciuto in Olanda. È cresciuto in una famiglia religiosa, educato da un padre che era ministro della sua comunità religiosa. Quando ha finito la sua scuola, Vincent ha seguito la professione di suo zio e divenne un mercante d’arte, imparando il mestiere nei Paesi Bassi e poi è stato lavorare in Inghilterra e in Francia. Vincent inizialmente ha avuto successo con l’attività commerciale, è stato felice. Tuttavia, presto lui si ha sentito stanco con l’impresa dell’arte, in particolare a Parigi. [1]

“I mangiatori di patate” di Van Gogh, il suo primo lavoro importante, è stato dipinto nel 1885. In questo momento, ha avuto difficoltà nella parte affettiva, a trovare l’amore, ma cominciava a ricevere soldi con la vendita di suoi dipinti.

“La notte stellata” – Vincent van Gogh. Dipinta dall’artista olandese Vincent van Gogh nel 1889, “La notte stellata” è uno dei dipinti più famosi della cultura moderna. Il dipinto fa parte della collezione permanente del Museum of Modern Art di New York.

Uno dei pittori più noti della storia ha avuto una vita tragica. Le sue opere sono colorate: blu, gialli tra altri colori. Ma una storia di vita molto difficile.

“Loro dicono – e io sono molto disposto a credere

– che è difficile conoscere se stessi,

anche non è facile

fare un quadro di se stesso “.

Vincent van Gogh [2]

Lui era molto povero e è stato suo fratello Theo che lo mandava i soldi per il suo sostentamento. Van Gogh era incompatibile, da solo, malinconico e inquieto. Era una persona tra la follia e la genialità.

Van-Gogh-orelha2

Self Portrait with Bandaged Ear, 1889.

Soffriva del vizio dell’alcolismo, era schizofrenico ed epilettico, la sua anima era tormentata. In realtà è vissuto tra la vita e la morte. La sua vita è una tragica poesia.

In aggiunta da questi fatti, è stato rifiutato da donne in cui lui voleva avere un rapporto d’amore e da causa di questo aveva un cuore profondamente ferito. Mai ha sentito o trovato un affetto da una donna, neanche della sua madre. Il rapporto tra lui e la madre era sempre distante e freddo.

Un giorno ha tagliato un orecchio e lo ha inviato a una donna che guadagnava la vita a fare amore con gli uomini. Dopo il taglio dipinte un autoritratto di questa azione. Questa scena è una delle famose opere di Van Gogh, che ha aggiunto una tragedia indimenticabile nella sua vita. Forse, lui voleva dare questo messaggio al mondo: “Ascoltami!  Capiscimi!”

Nel maggio 1890, apparendo essere recuperato, Van Gogh va a vivere a Auvers-sur-Oise, a nord ovest di Parigi, dove dipinge freneticamente. Il peggioramento nel suo stato di salute lo induce al suicidio, una tentativo nel 27 luglio dello stesso anno, con un tiro di pistola contro il suo proprio petto. La tentativo è stata fatta fuori della casa, ma lui ha potuto tornare alla sua stanza e passa le ultime 48 ore della sua vita parlando con suo fratello. La giustificazione più comune è che i dottori non hanno potuto rimuovere il proiettile dal petto, anche ci sono indizi che il pittore stesso ha rifiutato ricevere trattamento di cura. [3]

Un giorno si suicidò. È morto nel 1890 all’età di 37 anni. Van Gogh è come il Dostoiévski, ma nell’arte, e la sua migliore opera è l’atto di tagliare il suo orecchio.

Una delle sue opere è stata venduta mentre era in vita.

Riferimenti:

[1] Vincent Van Gogh: Overview, vangoghgallery.com

[2] Carta para Theo Van Gogh, Settembre de 1889.

[3] infoescola.com

Comentários Facebook

comentarios

Erol Anar
Erol Anar
Erol Anar nasceu em Havza na Turquia, estudou em cursos de Antropologia (durante dois anos), História da Arte (durante dois anos) e pintura (durante um ano) nas universidades de Istambul, Ancara e Samsun. Foi membro da Associação dos Escritores Turcos, trabalhou no Centro de Arte Contemporânea de Ancara onde foi orientador de leitura da obra de Dostoiévski e da literatura universal durante 10 anos. Ganhou prêmios. Escreveu em diversos jornais, vários artigos foram sobre arte, direitos humanos, literatura e a vida cotidiana. Ainda teve entrevistas veiculadas em jornais de diversos países e tem 15 livros publicados no idioma turco.2 Deles foram traduzidos para português.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.